Poesie- Aleandro Noli

pubblicato in: Narrativa | 0

LAIN MILAN NOEUFCENTCINQUANTAQUATRO (1988)- poesia

Na frìspola, avréss vorüu diventà;

na frìspola del camin de cà mia

per véss a Porléza, nèla mia cà

via dèla vall già piena d’ombrìa.

Visin al polée, col sedelin in man

del paston di galinn, sétaa su ‘n sass,

a fass quarcià al coeur pian pian

del véel sèla sira, senza frécass.

E al mè campanin che al ma parlava,

penzava i campan che voosava: “Vegn!”,

l’anima vèrz al laach già la tirava

ma la reson la fava de tratégn.

Sa contentava de penzà i mè geent

(chissà adèss cos’a i farà?).

Ma sonava una campanèla lentameent

e l’eva òra de tornà su, a cà.

Refregiva la montagna, già violéta

e refregiva la minestra nel mè piatt;

ammò un magòn; poeu la nòcc, quiieta

finalmeent la ma slargava i brasc.

Premio letterario-“Nene Castelli” – Porlezza- IV Edizione -Opera segnalata

LAINO MILLENOVECENTOCINQUANTAQUATTRO

Una favilla, avrei voluto divenire;

una favilla del camino di casa mia

per essere a Porlezza, nella mia casa

via dalla valle già piena d’ombre.

Vicino al pollaio, col secchiello in mano

dell’intruglio per le galline, seduto su di un sasso,

a farmi coprire il cuore piano piano

dal velo della sera, senza rumore.

E il mio campanile che mi parlava,

pensavo le campane che gridavano “Vieni!”,

l’anima già volava verso il lago

ma la ragione la tratteneva.

Mi accontentavo di pensare ai miei

(chissà in questo momento cosa faranno?).

Ma suonava una campanella lentamente

ed era ora di tornare su, in casa.

Si raffreddava la montagna, già violetta,

e si raffreddava la minestra nel mio piatto;

ancora un po’ di magone; poi la notte, quieta

finalmente mi allargava le braccia.

Aleardo Noli

foto5.09a

SAN BENEDETT – poesia

L’è una nòcc in Val Perlana;

tücc i loeugh dèla sélva

i ‘scolta adasi al matùtin

di fraa.

Anca al veent de maarz

al porta tardi la lüus

e al passa in mèzz ai foeuj

a pregà.

La lode dèla nòcc la toca

la vall e, in foond, al laagh;

la caréza al soeugn di omen

e i oeucc.

Quatro muur sfregujaa

e i croos di fraa ne l’erba;

a i’è mila ann che gh’è pù

la badìa.

SAN BENEDETTO

E’ una notte in Val Perlana;

i posti della selva

ascoltano piano il mattutino

dei frati.

Anche il vento di marzo

porta tardi la luce

e passa tra le foglie

a pregare.

La lode notturna raggiunge

la valle e, in fondo, il lago;

accarezza il sonno degli uomini

e gli occhi.

Quattro mura sbriciolate

e le croci dei frati nell’erba;

son mille anni che non c’è più

l’abbazia.

Aleardo Noli

foto5.09b

Lancia Flavia coupé 1964 – poesia

I

Intorno, védet, gh’è domà un gran biaanch;

ma l’è migna al culôo che ta voeurévet tì.

L’ombrìa dèla suora, i quatro müur, al lécc;

ma sa régordet de come t’a piaséva al véerd?

II

Al véerd di castan che ta fava compagnìa

quaand ta ma spéciavet per sposà i coeur.

Al véerd del tò Cìn, quand, liber, ta lassavet

che la fantasia dèl saangh giovin la scôréss.

E poeu mì rivavi de Brichìn: la mia alégréza,

côrét incontra, i cavéj con déent la bréva.

E al teemp al rideva, al môlava i sò lancétt

e al nòss amoor al soméjava al sôo bruséent.

III

Ma un dì ta séet rivaa a Cìn con una dòna

della tua Milan, la bôca com’ è i magiòstri.

E una machina verda, che ciapava al veent.

Ma san Vincéenz a l’eva pü al tò saant.

IV

Intorno, védet, gh’è domà un gran biaanch;

biaanch com’è i nòss penzée e i nòss cavéj.

E de un biscèla che g’a la tana giô per Desi

gh’è de un sach de ann una machina désfàda.

La g’à ammò ‘na crosta de verniis vérda,

ma l’è migna al véerd de Cìn e de Brichìn.

Belée di mè vint’ann, ta stée per nà via!

Al ciéel, chì, l’è drée a tràss in tempèsta.

_____________________

dialetto lombardo

parte comasca del Ceresio

Lancia Flavia coupé 1964

I

Attorno, vedi, c’è solo molto bianco;

ma non è il colore che volevi tu.

L’ombra della suora, i quattro muri, il letto;

ma ti ricordi di come ti piaceva il verde?

Il

Il verde dei castagni che ti faceva compagnia

quando mi aspettavi per sposare i cuori.

Il verde del tuo Claìno quando, libero, lasciavi

che la fantasia del sangue giovane scorresse.

E poi io arrivavo da Barclaino: la mia allegria,

correrti incontro, i capelli con dentro la breva.

Ed il tempo sorrideva, perdeva le sue lancette

ed il nostro amore era come sole infuocato.

III

Ma un giorno sei giunto a Claino con una donna

della tua Milano, la bocca color di fragola.

E un’automobile verde che catturava il vento.

Ma San Vincenzo non era più il tuo santo.

IV

Attorno, vedi, c’è solo molto bianco;

bianco come i nostri pensieri ed i nostri capelli.

E da uno sfasciacarrozze che sta laggiù a Desio

c’è da tanti anni un’automobile in disarmo.

Ha ancora tracce della sua vernice verde,

ma non è il verde di Claino e Barclaino.

Amore dei miei vent’anni, stai per partire!

Il cielo, qui, si sta mettendo a grandine.

Aleardo Noli – 2012

Lascia un commento