Maestri Ticinesi in Transilvania tra Cinquecento e Settecento

pubblicato in: Recensioni | 0

Maestri Ticinesi in Transilvania tra Cinquecento e Settecento – a cura di Nicolae Sabau – Editura Mega – Cluj Nadoca – 2007

Per la cortesia del Socio Amerigo Liveriero ho potuto apprezzare questa interessante ricerca, difficilmente reperibile in Italia, dello studioso romeno.

Essa apre nuove prospettive di conoscenza e approfondimento delle opere dei nostri Artisti nell’Europa dell’ Est, fino a pochi decenni fa del tutto precluse.

foto6.17a

Molte sono le località citate e le opere descritte. Ci limitiamo in questo breve sunto ad elencare gli Artisti :

pag. 13 -Petrus Italus di Lugano – Bissone preveniente da Leopoli ed operante a Bistritza nel 1575 al servizio di un voivoda moldavo.

Pag.51 – Giovanni Morando Visconti di Curio ( TI ) , architetto di fortificazioni, presente ad Alba Julia dal 1652 al 1717.

Pag.99 – Rusca Cerutti di Orogno ( Agogno ? ) architetto di fortificazioni

Pag.108 – Brilli di Cureglia nel XVIII secolo.

Pag.109 – 116 – Quadri, Tencalla di Bissone,

Pag.151 – 162 – Ricca di Pambio, Carnevale, Ludri di Montagnola, Martinetti

Pag. varie – Antonio e Andrea Castelli di Melide, costruttori di Cracovia in Transilvania nel 1630

Agostino Serena di Agogno, proveniente da Venezia, presente in Transilvania dal 1648 a

alla morte ( 1654 )

Sebastiano Sala da Cracovia, scultore ad Alba Julia nel 1652, ivi deceduto nel 1653.

Bartolomeo Ronchi, successore del Sala

Giacomo Resti ( Restelli ?) da Verna è presente in Transilvania a Oradea ed Alba Julia dal 1615 al 1634. Costruttore di Palazzi anche nell’Ungheria e Slovacchia asburgiche. Muore nel 1637.

Lascia un commento