“ l’Avvento “ Un angolo di luce e di preghiera” Poesia Tradizione Lainese: Poesia

pubblicato in: Narrativa | 0

È questo lo slogan con il quale gli abitanti di Laino, sono invitati ad allestire iI calendario dell’Avvento vivente, una finestrella che si apre in una casa, ogni volta diversa, per scandire i momenti che ci separano dal Santo Natale.
Ogni anno le famiglie lainesi partecipano a questa iniziativa con grande calore e accolgono gli ospiti, in un tripudio di luci e colori, recitando una preghiera e offrendo dolcetti caserecci e leccornie di ogni tipo, accompagnati da un caldo e profumato vin brulè!
Il tradizionale appuntamento, sentito ed amato dai lainesi, inizia il 1° Dicembre e si conclude il 24, sera della Vigilia, con il presepe artistico, allestito nel lavatoio del Paese, un’attrattiva originale e creativa per tutta la Valle Intelvi e per i turisti.
Il cammino dell’Avvento si apre con un momento di preghiera al Cimitero, sulla tomba di un’amica, che ha contribuito con grande entusiasmo e tenacia a realizzare questo evento particolare e a mantenerlo vivo nel tempo! Grazie, cara Fermina!
Ho scritto questa poesia, in occasione della finestrella aperta dalla famiglia Mario e Vittorina Gervasoni, la sera del 23 Dicembre 2011.

Temp d’Avent a Lain

Se permetuf, cari gent,

vurarium verament

ringraziaf par la vostra partecipazion

a l’angulin del Mario e della Vito Gervason.

E si, al vintitrii sem giamo’ rivaa

e l’ultima finestra em spalancaa!

Em pasaa insema di bei mument,

tüc i sir par la festa del’Avent,

un camin meraviglius

che em verduu cun un pensee afetus

par la nosa cara Fermina, che cun tantu amur ed inventiva,

la ga tegneva tantu a questa bela iniziativa!

Cari gent, al temp al vola

e duman narem tüc al lavatoi, la’ a la Bola,

par  fa’ incanta’ i öcc e al cor cun la puesia

del presepi püse bel e uriginal che ga sia!

Urmai l’è diventada una tradizion

rivesti’ da magia la finestra o al balcon,

piee da lüs, feston e tanti stell,

una cuntenteza par Lain, al nos paesell.

E tüc i siir, quant l’era quel’ura, che muviment

e che sudisfazion quant cuiminciava a riva’ gent,

in un clima da armunia e letizia …

che bela ucasion par rafurza’ l’amicizia,

cuculaa dala gentileza e l’uspitalità

dai vari padron da ca’!

E che prufüm in tüc i canton

da vin brulè, turti e bumbon

e quanti fioo che, cun la scusa della finestrela,

i faseva a gara par riva’ prim a sciuscia’ un ciculatin o una caramela!

E che meraviglia vedei cor avanti e indree cun energia e forza,

culuraa dai lüs che sa piza e che sa smorza!

Ma prima dala festa gh’era la preghiera

sempru diversa, recitada cun devuzion e fed sincera…

Ecu al veru significaa, quel che cünta verament,

l’è propi insci’ che ghem da vif l’Avent,

che al n’acumpagna vers al Natal

l’Event püsee impurtant, Sant e special!

Duman l’è la Viglia

e alura preparemas a ricef al Bambin in di nos ca’, nela nosa famiglia,

ma specialment  nel cor risculdaa da tantu amur,

senza odi, ne’ rancur.

Oh, car Signur,

cerca da alevia tüc i nos dulur,

e in ogni Paes, in ogni Nazion,

finisa da vusa’ i bumbi e i canon.

Fa che i teremot, qualsiasi calamità

e ogni sorta da disgrazia, i g’abia da cesa’!

Porta al to’ sustegn e cunfort

a tüc quii person che i piang i so mort!

Scusii se parlum in dialett,

ma per i tradizion di nos paes, bisogna vec rispett!

Sa regorduf al Natal di temp indree?

L’era püse sentii anca senza danee…

A l’era a la bona, mudest, puarell,

ma anca cun poc a sa faseva l’alberell…

Mandarin, nus, spagnulet e, se la nava bee, un quai turon

e serum cutent e anca püse bon…

El presepi l’era poc bel? Che puesia, che meraviglia

l’era al simbul che tegneva insema la famiglia.

Sa levava su prest e alegrius,

un mument che sa po’ migna dimentica’… meraviglius,

par na in di bosc a cerca mufa, legn sec e una quai frascheta

e l’opera a l’era cumpleta.

E serum propi sudisfaa

quand al vedevum illuminaa,

cun la Madona, al S.Giusep, al böö e l’asinell

che i sculdava al Bambinell….

E la Mesa de mezanocc, sa regorduf gent?

La vivevum cun devuzion e sentiment!

E sa pudeva migna mancà,

anca se l’era frec e cuminciava anca a fiucà.

Ma gh’era migna i scarp firmaaa che adess sa usa

zuculet da legn quii, da la festa, e sa stimava pa’, mam e tusa….

Ades i tempi a iè cambiaa,

ma al significa del Natal par furtüna a l’è restaa….

Vuremas bee cun semplicità

e scambiemas i augüri cun curdialità!

Alura grazie a tüc e Bon Natal,

che l’Ann nof al sia dabon special!

Ed un pensee, dulz cumè al mel,

a chi ghè pü…  ie vulaa in ciel

e i varda gio’ dal Paradis

cun tantu amur ed un suris!

 

 

(G.A.) Pierangela Molli

Lascia un commento