Archeologia, Arte e Storia in Valle Intelvi

pubblicato in: Recensioni | 0

Archeologia, Arte e Storia in Valle Intelvi *

Al PalaLanzo di Lanzo d’Intelvi, è statopresentato da Marina Uboldi, direttrice degli scavi e conservatore presso il Civico Museo Archeologico di Como, un DVD interattivo dedicato alle Ricerche archeologiche nel Castelliere preistorico situato sul Monte Caslè di Ramponio Verna, in Valle Intelvi.

Questo importante sito, databile tra l’Età del Bronzo Finale e l’inizio dell’Età del Ferro, all’incirca quindi tra il 1200 e l’800 a.C., è noto da più di un secolo agli archeologi. Però per la sua posizione lontana dai centri abitati – e per la difficile visibilità dei resti, un tempo coperti dalla fitta vegetazione – è stato a lungo trascurato dalle ricerche e dimenticato dalle guide turistiche, tanto da risultare pressoché sconosciuto anche agli abitanti dei paesi circostanti.

Da alcuni anni il Museo di Como, su concessione del Ministero per i Beni Culturali, ha avviato nuove indagini sui resti antichi. Il rinnovato interesse sviluppatosi attorno all’area archeologica ha portato alla stesura di un progetto di studio storico, di riqualificazione ambientale e di valorizzazione del sito, promosso dal Comune di Ramponio Verna e sostenuto finanziariamente dalla Provincia di Como e da Regione Lombardia. Il progetto complessivo, attuato per lotti funzionali riferiti a puntuali campagne di scavo, ha trasformato la boscaglia, rigogliosa ma disordinata, in un parco archeologico.

Il progetto ha previsto inoltre la pubblicazione di dèpliant illustrativi sul paese di Ramponio nei suoi vari aspetti, di un opuscolo sui risultati scientifici derivanti dagli scavi archeologici e infine del prodotto multimediale che è stato presentato al pubblico.

La ricchezza culturale e le potenzialità turistiche della Valle Intelvi dove, solo per citare i siti archeologici, è possibile visitare i resti musealizzati dell’edificio fortificato di Pellio Superiore, l’area in corso di studio di Castello a Laino, o la piana di Erbonne, sede di accampamenti nella più antica preistoria, ha spinto a considerare la realizzazione del DVD come un’occasione per allargare lo sguardo a tutta la Valle, raccogliendo in schede le informazioni su archeologia e storia dell’arte di tutti i paesi.

Con l’intervento di valorizzazione e promozione del sito archeologico del Monte Caslè, il Comune di Ramponio Verna partecipa anche al progetto finanziato con fondi europei denominato Ecolarius. Diffondere la cultura dell’ambiente e del paesaggio tra lago e montagna, coordinato dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Como, che ha previsto azioni propedeutiche a future iniziative di studio e opere di sistemazione del percorso pedonale di accesso, a servizio di una migliore fruizione da parte del pubblico. La realizzazione di progetti di sviluppo territoriale ha contribuito in questi anni ad avviare un lento ma importante percorso di condivisione delle progettualità e degli investimenti, inteso a rinsaldare la necessaria collaborazione tra i diversi soggetti del territorio lariano e a promuovere la messa “in rete” dei patrimoni culturali e ambientali.

Lascia un commento